lunedì 4 gennaio 2016

SILVESTRIN CLAUDIO

ARCHITETTO

Nonostante la sua rinomata posizione nel mondo dell’architettura, Claudio Silvestrin preferisce mantenere un profilo discreto, lontano dallo sfarzo e dal glamour di cui godono molti ai vertici della professione. Lo stesso si può dire dei suoi progetti che, piuttosto che risultare appariscenti e meramente decorativi, si presentano sobri, sereni e meditativi; come lui stesso afferma: “un’architettura... per la contemplazione ed il nostro essere; nella sua essenza, per l’anima”. Claudio Silvestrin è un creativo. Nato nel 1954 (la madrea, Puppin, era di Codognè) è stato educato a Milano da A.G. Fronzoni e ha proseguito gli studi alla Architectural Association di Londra. I suoi studi di filosofia, la sua visione, l’integrità, la chiarezza di intenti e la rigorosa attenzione al dettaglio sono le caratteristiche della sua distintiva architettura: austera ma non estrema, contemporanea e tuttavia senza tempo, calma ma non ascetica, forte ma non intimidatoria, elegante ma non ostentativa. Claudio Silvestrin è stato invitato a presentare il suo lavoro in numerosi eventi e conferenze. Nel 2013 è stato Walton Critic e tutore alla Catholic University of America, Scuola di Architettura a Washington DC.

Profilo dello Studio
Nel 1989 Claudio Silvestrin fonda lo studio Claudio Silvestrin Architects con uffici prima a Londra e dal 2006 anche a Milano. La sua opera di respiro internazionale spazia da oggetti di uso quotidiano a interni domestici e commerciali, spazi espositivi, edifici per musei e residenze private. Tra i suoi clienti più noti vanno riconosciuti Giorgio Armani, illycaffè, Anish Kapoor, Calvin Klein, Poltrona Frau, Victoria Miro, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per la quale ha progettato il museo di Torino e la star rapper Kanye West. Lo studio ha completato di recente il progetto di 18 ville a Singapore (Sandy Island), il castello di Rocca Sinibalda vicino a Roma, i ristoranti di Londra Princi, Roka e Oblix (allo Shard) e le boutique di Giada in via Montenapoleone a Milano e a Pechino Jinbao.

Bibliografia
2011 L’immaterialità del materiale, introduzione di Franco Bertoni e postscritto di Germano Celant. Pubblicato da Allemandi, Italia.
2008 Eye Claudio, introduzione di Clare Farrow e postscritto di Franco Bertoni. Pubblicato da Viabizzuno, Italia.
2006 Interni: numero monografico di dicembre.
1999 Claudio Silvestrin, scritto da Franco Bertoni. Pubblicato da Birkhäuser, Svizzera.

Premi ricevuti
2014 Chicago Athenaeum International Architectural Award - Castello di Rocca Sinibalda, Italia
2013 FIABCI Prix d’Excellence Awards - Sandy Island Housing Development, Sentosa, Singapore
2011 South East Asia Property Awards, Best Architectural Design - Sandy Island Housing Development, Sentosa, Singapore
2009 Chicago Athenaeum International Architectural Award - Victoria Miro Private Collection Space, Londra
2009 CNBC Asia-Pacific Property Awards, Best Development - Sandy Island Housing Development, Sentosa, Singapore
2008 Archip – Domus, Russia - P Penthouse, Montecarlo
2008 Best Communicator Award - La Cava, installazione in pietra per il Casone a Marmomacc, Verona
2005 Wallpaper Magazine Design Awards - Cucina Terra per Minotti Cucine
2005 Travel+Leisure Magazine Design Awards - Panetteria Princi XXV Aprile, Milano
2005 International Award Architecture in Stone - Giorgio Armani Worldwide Image
2003 Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana alla Triennale di Milano - Museo d’arte contemporanea Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino
2003 Contract World Award e Artib Award - Giogio Armani Worldwide Image






Nessun commento:

Posta un commento