giovedì 7 gennaio 2016

CARNELOS SANDRO

ORGANISTA

Sandro Carnelos, ha studiato presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia, diplomandosi con il massimo dei voti e la lode in Organo e Composizione Organistica, Prepolifonia Gregoriana. È stato vincitore della prima Rassegna Regionale Organistica di Maerne (VE) ed ha effettuato oltre 1200 concerti, suonando in Italia ed all’estero, partecipando ad importanti Festival Organistici Internazionali (Budapest, Bourges, Hannover, Monaco, Zurigo etc). È organista titolare dell’organo A Zeni del Tempio Votivo di Ponte della Priula (TV), dedicato alla fraternità europea.

“Io credo che prima di pensare all'aspetto puramente emotivo, bisogna porsi nel rispetto dell'opera d'arte, si tratta di "ricostruire" in musica quello che la grafica di uno spartito ci comunica in maniera molto sintetica e talvolta anche imprecisa cioè:
…raccogliere informazioni su varie fonti sull'autore, periodo storico e situazione politico-culturale del suo ambiente,
…reperire le edizioni cosiddette "critiche" sul brano in questione,
…studiare l'opera da interpretare come si presume l'abbia pensata il compositore,
…rammentare che la musica non è un'arte "figurativo-plastica" cioè che si può visionare e restare immutata o quasi nel tempo, tipo pittura-scultura, bensì un'arte in continuo movimento, soggetta ai mutamenti di costume e soprattutto alla preparazione culturale dell'interprete,
…più che la propria emotività, la quale è molto personale, penso sia meglio rivolgere la propria attenzione a quella dei "fruitori" del proprio messaggio, cioè agli ascoltatori, i quali "sentono" la produzione artistica che viene loro propinata dall'esecutore in modo più o meno convincente.
…se manca uno dei tasselli preliminari descritti sopra, il "messaggio" emotivo non sussiste che nella fantasia di ognuno di noi”.








Nessun commento:

Posta un commento